A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Una nave oceanografica al servizio della ricerca e dell’industria

Una nave oceanografica al servizio della ricerca e dell’industria

OGS Explora è l’unica nave da ricerca multidisciplinare italiana capace di condurre ricerche sia oceanografiche che geofisiche in tutti gli ambienti marini. Gli ambienti oceanici sono ancor oggi per molti aspetti inesplorati e rappresentano la più importante frontiera per la conoscenza del nostro pianeta, sia dal punto di vista ambientale che fisico, poichè modulano il clima globale, garantiscono il futuro delle risorse marine supportando la maggiore biodiversità del pianeta ed ospitano ingenti risorse energetico-minerarie. OGS Explora ha al suo attivo oltre un centinaio di missioni di ricerca e di servizio all’industria che hanno consentito di incrementare la conoscenza dell’ambiente marino. La nave ha effettuato 11 campagne in Antartide ed in Artico e rappresenta attualmente una fondamentale infrastruttura di ricerca per la comunità scientifica italiana ed internazionale.

La nave da ricerca OGS Explora, di proprietà OGS (Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale), viene impiegata per esplorare tutti gli ambienti marini e soprattutto lo spazio profondo, ancor oggi per molti aspetti inesplorato.

La nave ha iniziato la sua attività presso OGS con una serie di campagne geofisiche e oceanografiche condotte nei mari antartici. Essa infatti è classificata come “classe ghiaccio”, in quanto possiede le caratteristiche per poter navigare e acquisire dati anche in ambienti estremi quali l’Antartide e l’Artico. L’ingente quantità di campagne effettuate finora fa sì che la nave sia considerata come un’infrastruttura di riferimento per ricerche geofisiche ed oceanografiche a livello internazionale. Oltre ai mari antartici e artici, la nave opera nel Mar Mediterraneo, nell’Oceano Atlantico e Pacifico, nell’ambito di progetti di ricerca nazionali e internazionali ma anche al servizio all’industria. OGS Explora è equipaggiata con strumentazione che consente di effettuare indagini geologiche, geofisiche e oceanografiche.

Lavori di ricerca e servizio eseguiti dalla nave OGS Explora nell’area Mediterranea nel periodo 2005-2012Lavori di ricerca e servizio eseguiti dalla nave OGS Explora nell’area Mediterranea nel periodo 2005-2012

I dati acquisiti hanno consentito di ottenere risultati rilevanti sia per la ricerca scientifica, sia di tipo tecnologico-applicativo, permettendo di:

  • identificare frane sottomarine e altri fenomeni geologici associati che possono generare tsunami e rappresentare un rischio per infrastrutture e manufatti;
  • caratterizzare in alta risoluzione il fondo marino e i sedimentari superficiali con la duplice finalità di supporto alle attività industriali (ad es. posa di cavi di comunicazione sottomarini in fibra ottica) e ricostruire l’assetto geologico di dettaglio delle aree investigate e l’evoluzione paleoclimatica a scala regionale;
  • migliorare la conoscenza delle aree marine dove possono generarsi terremoti, mediante lo studio di faglie e strutture geologiche profonde;
  • identificare la presenza di fuoriuscite di gas/fluidi dai fondali e di gas idrati; queste prospezioni hanno permesso di caratterizzare fuoriuscite di gas ad elevato effetto serra (metano e anidride carbonica) e di identificare la presenza di gas idrati che rappresentano una delle nuove potenziali risorse economiche;
  • identificare, caratterizzare e monitorare aree potenzialmente idonee per lo stoccaggio geologico della CO2, al fine di mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici globali prodotti dall’immissione di questo gas in atmosfera;
  • quantificare i processi di variabilità della colonna d’acqua in mare aperto, con particolare interesse per i fenomeni di riscaldamento delle acque profonde, i cambiamenti di salinità, l’acidificazione delle acque, anche connessi a variazioni di forzanti ambientali;
  • caratterizzare la circolazione e il mescolamento abissale evidenziando il legame con la circolazione superficiale e intermedia.

Sinistra: Aree di ricerca della nave OGS Explora sui margini continentali dell’Antartide. Destra: Lavori di ricerca e sevizio eseguiti dalla nave OGS Explora nell’area Nord Atlantico - Artico nel periodo 2005-2012Sinistra: Aree di ricerca della nave OGS Explora sui margini continentali dell’Antartide. Destra: Lavori di ricerca e sevizio eseguiti dalla nave OGS Explora nell’area Nord Atlantico - Artico nel periodo 2005-2012

La vocazione multidisciplinare di OGS Explora ha consentito il suo inserimento, dal 2008, nella flotta EUROFLEETS costituita da 5 navi oceaniche appartenenti ad altrettanti Enti di ricerca europei di eccellenza nello studio degli ambienti marini che collaborano al fine di migliorare la qualità della ricerca sul mare in Europa.

Fonte Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (OGS)
Data pubblicazione 01/03/2013
Organizzazioni OGS