A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Nutrizione: finanziato con 2 milioni il progetto Probiosenior coordinato da Synbiotec, spin-off UNICAM

Nutrizione: finanziato con 2 milioni il progetto Probiosenior coordinato da Synbiotec, spin-off UNICAM

Il futuro non crolla”, sottolinea la campagna promossa dall’Università di Camerino in seguito al terremoto che l’autunno scorso ha colpito duramente il comune marchigiano sede dello storico Ateneo, danneggiando gravemente uffici, laboratori e aule universitarie.

Un’opportunità simbolica, e al tempo stesso concreta, per il rilancio di questo territorio arriva da un nuovo, ambizioso progetto coordinato proprio da uno spin-off dell’Università di Camerino. Si tratta del progetto Probiosenior, vincitore di un finanziamento di circa 2 milioni di euro erogato dalla Regione Marche attraverso il bando “Promuovere soluzioni innovative per affrontare le sfide delle comunità locali nell’ambito della salute e benessere” del Programma Operativo Regionale - Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (POR-FESR) 2014-2020.

L’organizzazione del partenariato e la progettazione scientifica di Probiosenior fanno capo a Synbiotec: società costituita nel 2004 – con l’approvazione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) – utilizzando le novità introdotte dal decreto legislativo 297/99 del MIUR in supporto alla realizzazione di spin-off accademici.

Sin dalla sua nascita, lo spin-off dell’Università di Camerino – ora PMI Innovativa – si propone di aumentare la qualità del cibo e il benessere dell’uomo attraverso ingredienti e processi naturali, fornendo ceppi batterici probiotici con alti livelli di qualità. E proprio i probiotici sono al centro del progetto coordinato da Synbiotec, di durata triennale. In particolare, Probiosenior punta a sviluppare e sperimentare un set di nuovi alimenti funzionali e nutraceutici contenenti probiotici, in grado di migliorare parametri correlati con il processo di invecchiamento. La fase di sperimentazione sarà realizzata presso alcuni Ambiti Territoriali Sociali e Case di Cura del territorio.

Il progetto vede il coinvolgimento di aziende del settore agro-alimentare (Caseificio Val D’Apsa snc di Urbino, Pittalis Srl di Ostra, Synbiofood Srl di Civitanova Marche, Torrone Camerinese Casa Francucci snc di Camerino), del settore tecnologico-informatico (Fidoka Srl di Ripe San Ginesio, IT Innovative Technology Srl di Camerino), dell’ambito sociale (COOSS Marche onlus Soc. Coop P.A. di Ancona) e soggetti sperimentatori pubblici i privati (Unione Montana delle Alte Valli del Potenza e dell’Esino, Unione Montana dei Monti Azzurri, Unione Montana Marca di Camerino e Labor Spa di Jesi). Partner strategici della ricerca scientifica sono l’Università di Camerino e l’Università di Firenze.

Riunendo questa ampia rete di partner, Probiosenior punta a un duplice obiettivo: aumentare la specializzazione produttiva delle imprese marchigiane, promuovendo al tempo stesso reti di servizi per la cura e il benessere della popolazione del territorio, e in particolare degli anziani.

Fonte Università di Camerino
Data pubblicazione 21/02/2017
Tag Salute
Approfondimenti