A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

L’innovazione per il turismo: dalla Calabria storia di un’idea

L’innovazione per il turismo: dalla Calabria storia di un’idea

Uno spazio collaborativo digitale per consentire agli attori privati e pubblici della filiera turistica di fare sistema, creando un’offerta finalmente integrata. Uno strumento online per condividere e scambiare conoscenze. Una modalità indiretta per incentivare l’utilizzo del web 2.0 da parte di enti, istituzioni e piccole e medie imprese.

Una terra ricchissima dal punto di vista naturalistico e culturale. Bagnata da due mari e segnata nelle zone interne dalla fisionomia decisa del paesaggio montano, la Calabria reca tracce di un passato lontano, da scoprire: dai siti archeologici greci e romani fino a capolavori dell’architettura e dell’arte, tra cui spiccano i bronzi di Riace, tornati nel Museo Nazionale di Reggio Calabria nel dicembre 2013, dopo un restauro conservativo durato quattro anni. Testimonianze dal valore inestimabile, che legano questa regione alla sua antica storia e suggeriscono sbocchi e prospettive di crescita per il presente.

In questo contesto è nato il progetto SmartDMO - Tourism knowledge community platform di Calabresi Creativi: un’associazione di cinque giovani con il “pallino” per l’innovazione desiderosi di fare qualcosa per la propria terra, valorizzando un immenso potenziale, spesso penalizzato dalla frammentazione e dall’isolamento dei diversi operatori del sistema turistico calabrese. L’iniziativa è stata “messa in moto” e resa possibile grazie al bando Social Innovation, pubblicato nel 2012 dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) nell’ambito del Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività (PONREC) 2007/2013. Uno strumento destinato ai giovani fino a 30 anni, finalizzato a finanziare progetti di innovazione sociale capaci di rispondere in modo nuovo a specifici bisogni presenti sul territorio di riferimento.

Alla base del progetto SmartDMO, l’idea di sfruttare le possibilità di condivisione e integrazione offerte dagli strumenti digitali per favorire la cooperazione tra gli operatori turistici di uno stesso territorio – divisi e frammentati dalla competizione reciproca – migliorando l’offerta e l’attrattività turistica locale e generando benefici per i diversi stakeholder.

foto presentazione calabresi creativiSelezionata tra i progetti vincitori del bando Social Innovation, la proposta di Calabresi Creativi è diventata realtà attraverso la realizzazione di una piattaforma online volta a creare una nuova offerta turistica, a promuoverla su Internet e sui social media, a integrarla in base alle esigenze dei visitatori e a verificarne il gradimento, monitorando e valutando i risultati ottenuti.

Il progetto ha consentito di avviare percorsi innovativi di cooperazione tra gli operatori turistici, gli abitanti del territorio e le Destination management organizations (DMO) – organizzazioni che progettano e organizzano i servizi per il turismo di una località – portando alla creazione di una community di professionisti in grado di dialogare offline e online con i turisti reali e potenziali e promuovendo la digitalizzazione di servizi legati al comparto turistico.

«La sollecitazione a partecipare al bando del MIUR è arrivata via Twitter, attraverso il contatto di un torinese esperto in social media che cercava partner per un progetto di innovazione sociale in Calabria. A dimostrazione di quanto il web 2.0 possa riunire la nazione e consentire di superare le difficoltà che si riscontrano a Sud», racconta Domenico Rositano, presidente di Calabresi Creativi.

Dalla selezione al bando è cominciata l’avventura che ha portato l’associazione a varcare i confini regionali. Nell’ottobre 2013 il progetto è stato presentato alla seconda edizione di Smart City Exhibition, la manifestazione in tema di città intelligenti con si svolge a Bologna, mentre nel mese successivo è approdato a Pechino e Shangai, al China Italy Innovation Forum e al Sino-Italian Exchange Event. Due eventi sulla scienza e la tecnologia di rilievo internazionale, volti a presentare il meglio dell’innovazione italiana in Cina per rafforzare le sinergie tra le realtà del sistema della ricerca e dell’innovazione nazionali e cinesi: istituzioni, aziende innovative, sistemi regionali. Questa partecipazione ha consentito a Calabresi Creativi di incontrare investitori cinesi e tour operator interessati a conoscere l’evoluzione del sistema turistico. «Un grande onore e orgoglio esportare qualcosa fin lì» spiega Domenico Rositano. Anche perché Smart DMO è stato l’unico progetto italiano di innovazione sociale per il turismo selezionato per il forum italo-cinese.

Il prossimo obiettivo è trasferire il progetto in altri contesti territoriali. Ora che la sperimentazione in Calabria, nella zona della Sila, è terminata, la piattaforma sarà testata in Piemonte, grazie alla collaborazione con i partner Sviluppo Piemonte Turismo, le associazioni Le Terre dei Savoia e BTO Educational e l’Ente turismo Alba, Bra, Langhe e Roero. Un’esperienza che mostra come grazie all’innovazione sia possibile varcare i confini regionali e nazionali, anche restando nella propria terra.

 

Il video di Smart DMO

Fonte Calabresi Creativi
Data pubblicazione 16/01/2014
Organizzazioni CALABRESICREATIVI
Tag PON R&C - Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività 2007-2013
Approfondimenti