A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Geologia: scoperte rocce che assorbono CO2 spontaneamente

Geologia: scoperte rocce che assorbono CO2 spontaneamente

Ci sono rocce che assorbono CO2 spontaneamente. E’ un team dell’Istituto di Geoscienze e Georisorse del Consiglio Nazionale delle Ricerche – CNR a Montecastelli (PI), nelle colline toscane ad averlo scoperto. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Lithos.

È proprio nelle colline toscane, a Montecastelli (PI), che è stato da poco scoperto un eccezionale sito in cui il “processo di carbonatazione” avviene spontaneamente in particolari rocce chiamate serpentiniti. Si tratta di una scoperta importante che influisce su uno dei tanti approcci alla mitigazione del cambiamento climatico, quello basato sul “sequestro”, ovvero assorbimento dell’anidride carbonica atmosferica nel suolo, in fondo all’oceano, o nelle rocce.

Queste rocce nel corso di milioni di anni sono state portate dalle profondità del mantello ai fondali oceanici, fino alla posizione attuale, hanno intrappolato acqua nel reticolo cristallino formando minerali come brucite e serpentino. Nella carbonatazione di queste rocce avvengono reazioni chimiche che portano all’assorbimento e poi al sequestro mineralogico di CO2, permettendo di intrappolare ingenti quantità di anidride carbonica con la formazione di carbonati di magnesio.

Il team dell’Istituto di Geoscienze e Georisorse IGG ha analizzato questo processo in alcuni affioramenti di rocce ofiolitiche toscane, ha evidenziato l’evoluzione petrologica e geochimica delle serpentiniti durante la loro interazione con acque meteoriche ricche in anidride carbonica.

In base alle analisi e alle osservazioni in campo, – ha spiegato Chiara Boschi dell’IGG-CNR, primo autore del lavoro – la dissoluzione di brucite pura, un minerale estremamente reattivo anche nelle condizioni abitualmente osservate sulla superficie terrestre e presente nelle serpentiniti, porta alla formazione di idromagnesite con un assorbimento e sequestro di anidride carbonica di ben tre volte maggiore rispetto a quanto osservato in presenza di brucite meno pura (per esempio contenente ferro)”.

Questa scoperta mette in luce limiti e potenzialità del sequestro mineralogico della CO2 per la mitigazione dell’effetto serra e del riscaldamento globale. “Il nostro studio – ha concluso Chiara Boschi – permette di identificare quali siano i minerali che portano a una maggiore efficienza della reazione di assorbimento della CO2. Queste indicazioni sono quindi fondamentali per l’applicazione della tecnologia di sequestro mineralogico dell’anidride carbonica”.

Fonte CNR
Data pubblicazione 06/11/2017
Tag Scienze della vita , Scienze fisiche e ingegneria
Approfondimenti