A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Elettronica stampabile: premiato alla LOPEC 2017 il progetto i-FLEXIS

Elettronica stampabile: premiato alla LOPEC 2017 il progetto i-FLEXIS

Un importante riconoscimento è stato ottenuto dal progetto i-FLEXIS nel corso della LOPEC 2017: la Conferenza ed Esposizione Internazionale dell’Industria dell’Elettronica Stampata di cui si è recentemente svolta a Monaco la nona edizione. 

Sviluppato da un consorzio di ricerca a maggioranza italiana sotto il coordinamento dell’Università di Bologna, i-FLEXIS è stato premiato in Germania come “Migliore progetto finanziato con fondi pubblici”. Il riconoscimento è andato alla società BioAge di Lamezia Terme, responsabile dell’attività di progettazione elettronica essenziale per la realizzazione dell’innovativo rilevatore a raggi X sviluppato nell’ambito del progetto. 

I-FLEXIS - a cui per l’Italia hanno partecipato, oltre all’Alma Mater e all’azienda BioAge, le Università di Trieste e di Cagliari - è stato finanziato nell’ambito del Settimo Programma Quadro, il Programma per la Ricerca e lo Sviluppo tecnologico dell’Unione Europea relativo al periodo 2007-2013. 

Il cuore del progetto premiato alla LOPEC 2017 è un rilevatore di raggi X completamente stampato su plastica. I componenti di questo innovativo dispositivo includono transistor e speciali cristalli capaci di captare la presenza di raggi X e di convertirla in un segnale elettrico. Indossabili, poco ingombranti e poco costosi, i rilevatori di raggi X messi a punto con i-FLEXIS sono stati giudicati estremamente innovativi anche in vista delle future ricadute attese. 

Con la tecnologia sviluppata nell’ambito del progetto sono stati realizzati, in particolare, analizzatori di densità ossea con applicazione nella diagnosi dell’osteoporosi, una malattia tipica dell’età avanzata caratterizzata dalla decalcificazione delle ossa. Lo stesso sistema è stato applicato in campo operatorio, per verificare - con la dosimetria a raggi X- la dose di radiazione assorbita dal paziente e dall’equipe di chirurghi che esegue l’intervento: una metodologia, questa, utilizzata per preservare l’incolumità dei pazienti e dei chirurghi. Infine, la tecnologia è stata applicata nel campo della sicurezza, per il controllo mediante raggi X dei bagagli. 

Il settore su cui si focalizza la LOPEC è quello dell’elettronica stampata: ambito in cui è specializzata la società BioAge, vincitrice del premio per il progetto i-FLEXIS. I principali vantaggi di questo campo di ricerca e sviluppo che promette di rivoluzionare il mondo dell’elettronica includono la possibilità di produrre grandi volumi di componenti a basso costo, ad ad alte velocità, con basso impatto ambientale.

Fonte BioAge
Data pubblicazione 19/05/2017
Tag Scienze fisiche e ingegneria