A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Strumenti di finanziamento EUROPA

Quali le opportunità di finanziamento europee?

L'Unione offre numerose opportunità di finanziamento per la ricerca. Esistono cioè diversi strumenti finanziari che possono essere utilizzati per realizzare le proprie idee di:

  • Ricerca: per chi intende avviare attività di ricerca finalizzate a generare nuove conoscenze o per le organizzazioni che desiderano sviluppare o potenziare la proprie capacità di ricerca.
  • Innovazione: per le organizzazioni, pubbliche e private, interessate all’innovazione in termini di trasferimento tecnologico, accesso al capitale di rischio o servizi di supporto, realizzazione o miglioramento di processi produttivi, beni e servizi.
  • Sviluppo di impresa: per coloro che puntano alla costituzione di una società innovativa, all’espansione o all’internazionalizzazione delle proprie attività o alla creazione di nuovi partenariati scientifici, commerciali e tecnologici.

shutterstock_106690454_400I principali strumenti di finanziamento della ricerca e dell’innovazione sono rappresentati dai Programmi Quadro e, in parte, dai Fondi strutturali e di investimento e dal Fondo di coesione. Tuttavia, dato che la ricerca ha carattere trasversale e permea tutte le attività umane, anche gli altri fondi europei possono fornire sostegno a investimenti innovativi però in settori specifici come ad esempio quello della pesca (Fondo Europeo per la Pesca - FEP) o quello agricolo, forestale e alimentare nelle zone rurali (Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale - FEASR). Il tipo di attività che si desidera realizzare guida la scelta dello strumento finanziario più idoneo. Ma vediamo nel dettaglio quelli che in maniera più diretta riguardano il settore della ricerca e dello sviluppo.

Cosa sono i Programmi Quadro?

Fin dal loro lancio, nel 1984, i Programmi Quadro hanno avuto un ruolo strategico nel definire e finanziare attività scientifiche e tecniche della massima qualità, di tipo multidisciplinare e a carattere transnazionale.

Con i Programmi Quadro la Commissione si affianca ai programmi di ricerca nazionali e regionali per coordinare gli sforzi di università, enti di ricerca e piccole e grandi imprese nei settori che possono dare valore aggiunto alla ricerca europea e produrre effetti positivi per la società. Mediante una programmazione negoziata e su base pluriennale vengono fissati gli obiettivi, le priorità e il pacchetto finanziario previsto tramite cui offrire sostegno a progetti di ricerca collaborativi e individuali.

L’attuale programmazione prevede per il periodo 2007-2013:

Esistono poi altri programmi complementari ai due presentati che, in settori specifici, contribuiscono ad ampliare lo spettro delle possibilità per la ricerca scientifica.

 E i fondi strutturali e di investimento e il fondo di coesione?

Strumento di intervento dell’Unione, l'obiettivo dei Fondi strutturali e di investimento - composti al loro interno dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) e dal Fondo Sociale Europeo (FSE) - e del Fondo di coesione è rafforzare la coesione economica, sociale e territoriale riducendo le disparità di sviluppo tra i Paesi membri.

L’esistenza di questi fondi permette alle regioni o agli stati di sviluppare, di concerto con la Commissione e con tutte le parti interessate, sia pubbliche che private, Programmi Operativi Nazionali (PON) in risposta a obiettivi e su tematiche specifiche alcune delle quali riguardano in maniera diretta attività di ricerca, sviluppo e innovazione (come ad esempio, per l’Italia, il PON Ricerca e Competitività).

In questo caso l'assegnazione dei fondi a uno Stato membro o a una data regione varia in funzione del loro livello di sviluppo e, diversamente dal 7PQ e dal CIP, la loro gestione è condivisa tra i vari livelli territoriali di governo (partenariato tra la Commissione, le autorità nazionali e quelle regionali).

Per maggiori informazioni sulle opportunità di finanziamento dell'UE per la ricerca e l'innovazione