A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Traffico più intelligente e sostenibile: Venezia guida il progetto ECOMOBILITY

Traffico più intelligente e sostenibile: Venezia guida il progetto ECOMOBILITY

Realizzare un sistema intelligente ed ecologico per la gestione del traffico, che tenga conto dei livelli di inquinamento nelle diverse aree delle città e fornisca informazioni in tempo reale ai gestori della rete stradale e agli automobilisti stessi.

Quella che sembra una visione futuristica delle nostre città, è l’obiettivo di ECOMOBILITY - ECOlogical supporting for traffic Management in cOastal areas By using an InteLlIgenT sYstem – un nuovo progetto di ricerca coordinato dal Dipartimento di Scienze ambientali, Informatica e Statistica dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. Finanziato con 830 mila euro dalla Commissione Europea nell’ambito programma Interreg Italia-Croazia, il progetto ha una durata di 18 mesi.

ECOMOBILITY rappresenta la prosecuzione ed estensione del progetto di ricerca europeo POSEIDON, che ha studiato le sorgenti di inquinamento nelle città di Venezia e Fiume. “Con ECOMOBILITY effettueremo un monitoraggio continuo dell’inquinamento urbano nell’area urbana di Mestre e Venezia” - spiega a ResearchItaly il coordinatore del progetto Andrea Gambaro, professore di chimica analitica all’Università Ca’ Foscari di Venezia. “I dati sull’inquinamento verranno poi rielaborati in tempo reale in forma di mappe che verranno inviate ai gestori del traffico, fornendo uno strumento utile per poter effettuare delle azioni di mitigazione e intervento. Le mappe saranno inoltre rese disponibili attraverso un’app ai singoli cittadini, che potranno così creare dei percorsi ‘green’ e alternativi per muoversi all’interno della città” - conclude Gambaro.

Il progetto ECOMOBILITY vede come partner la Regione Veneto, l’Istituto dell’Atmosfera e del Clima del CNR, l’Università di Fiume e il Comune di Fiume, dove saranno condotte le sperimentazioni assieme alla città di Venezia. Una parte del progetto prevede uno studio scientifico avanzato sul particolato fine – PM2,5 – presente in queste aree, capace di penetrare più in profondità nelle vie respiratorie con importanti effetti sulla salute.

Data pubblicazione 02/02/2018
Fonte Università di Venezia
Tag Mobilità sostenibile , Smart Communities