A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Patrimonio culturale: annunciata la collaborazione tra nuova sede dell’ISCR e CNR

Patrimonio culturale: annunciata la collaborazione tra nuova sede dell’ISCR e CNR

L’Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali (IBAM) del CNR e la Scuola di alta formazione dell’Istituto superiore per la conservazione e il restauro (ISCR) del Ministero dei beni delle attività culturali e del turismo (MIBACT) avvieranno una collaborazione scientifica per la conservazione e il restauro del patrimonio culturale

“Un passo in tal senso è stato fatto con la recente sottoscrizione, siglata lo scorso dicembre, di una convenzione tra l’IBAM e l’ISCR al fine di avviare una collaborazione scientifica, tramite la partecipazione congiunta a programmi e progetti di ricerca nazionali e internazionali con una particolare attenzione per attività didattiche e di formazione nel campo delle scienze per la conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale”, ha dichiarato Angela Calia, ricercatrice dell’Istituto per i beni archeologici e monumentali del Consiglio nazione delle ricerche (Ibam Cnr) della sede di Lecce. 

L’annuncio arriva all’indomani dell’inaugurazione della nuova sede dell’ISCR a Matera, città simbolo dell’eccellenza culturale italiana, scelta come Capitale Europea della Cultura per il 2019.  Già attivo da un anno, il nuovo polo dell’ISCR è stato ufficialmente inaugurato alla presenza del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini, della direttrice dell’ISCR di Roma Gisella Capponi, del  sindaco Raffaello De Ruggeri e del presidente della regione Basilicata Marcello Pittella.

 “Si sono già delineate insieme al direttore dell’Iscr, Gisella Capponi occasioni concrete per il trasferimento di conoscenze alle nuove generazioni di futuri studiosi, restauratori, e specialisti che frequenteranno la scuola dell’Iscr a Matera”, ha spiegato Daniele Malfitana, direttore dell’Ibam Cnr, concludendo: “Tutto ciò nella strategica cornice di Matera 2019 e delle occasioni di apertura internazionale che ad essa si accompagneranno per una più ampia prospettiva verso il Mediterraneo”.

Data pubblicazione 07/04/2017
Fonte Consiglio Nazionale delle Ricerche
Tag Cultural Heritage
Approfondimenti