A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Missione Insight: la NASA alla scoperta di Marte con un po’ di Italia

Missione Insight: la NASA alla scoperta di Marte con un po’ di Italia

Scoprire per la prima volta cosa si nasconde sotto la superficie di Marte, esaminare il suo sottosuolo, l’attività sismica, e raccogliere importanti indizi sull’evoluzione dei pianeti rocciosi del Sistema solare. Con questo obiettivo la NASA ha lanciato, lo scorso 5 maggio, la missione InSight diretta verso il Pianeta Rosso.

A bordo della missione è presente anche un po’ di Italia, che ha contribuito alla realizzazione dello strumento LaRRI-Laser Retro-Reflector for InSight, il riflettometro laser realizzato dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare con il supporto dell’Agenzia Spaziale Italiana.

I riflettometri “made in Italy” saranno posizionati sulla superficie di Marte e agiranno come una sorta di “ripetitori” di superficie, fornendo la posizione accurata dei lander e dei rover durante l’esplorazione. Inoltre potranno essere utilizzati per molti altri scopi, ad esempio per le ricerche sull’atmosfera marziana o per guidare gli “ammartaggi” delle future sonde dirette verso la superficie del Pianeta Rosso.

Il nuovo strumento LaRRI rappresenta l’evoluzione di INRRI, il microriflettore laser utilizzato nella missione ExoMars e frutto anch’esso della collaborazione tra ASI e INFN, ed è stato disegnato e costruito dal gruppo di ricerca SCF_Lab dei Laboratori Nazionali di Frascati dell’INFN, in collaborazione con il Centro di Geodesia Spaziale di Matera.

I microriflettori di nuova generazione come LaRRI – ha spiegato il coordinatore del progetto Simone Dell’Agnello, dei Laboratori INFN di Frascati – vengono installati su superfici planetarie per misurarne la posizione da stazioni laser che si trovano su satelliti in orbita, ad alcune centinaia di chilometri di altitudine”.

LaRRI giungerà su Marte con la missione InSight il prossimo novembre 2018 e i gruppi di ricerca dei Laboratori Nazionali di Frascati e del Centro di Geodesia Spaziale di Matera forniranno alla NASA un terzo strumento: LaRA-Laser Retroreflector Array, per il rover NASA di nuova generazione Mars 2020.

 

Data pubblicazione 08/06/2018
Fonte INFN
Tag Aerospazio , Scienze fisiche e ingegneria