A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Medicina, UNIVR: Centro Arc-Net partner di progetto internazionale sui marcatori tumorali

Medicina, UNIVR: Centro Arc-Net partner di progetto internazionale sui marcatori tumorali

Svilupperanno modelli sperimentali innovativi per lo studio dei tumori i ricercatori del Centro “ARC-NET” dell’Università degli Studi di Verona, partner di un ambizioso progetto internazionale a guida statunitense, attivato nel contesto della Human Cancer Model Initiative (HCMI) promossa dal National Cancer Institute del National Institutes of Health (NCI-NIH) americano. Lavoreranno in stretta collaborazione con centri di ricerca di eccellenza come il Cold Spring Harbor Laboratory (coordinatore), l’Università di Hubrecht, il Northwell Health e il Feinstein Institute.

Scopo del progetto è lo sviluppo dei cosiddetti organoidi, modelli che rispetto ai tradizionali hanno il vantaggio di rappresentare i tumori nella loro esatta morfologia e complessità genetica. Grazie agli organoidi i ricercatori avranno la possibilità di studiare più a fondo la natura della malattia e di verificare l’efficacia di trattamenti farmacologici innovativi. Attraverso l’uso di un nuovo sistema di coltura, sarà inoltre possibile accelerare il processo di identificazione dei marcatori diagnostici per i diversi tipi di tumore e favorire la messa a punto di nuove formule terapeutiche.

I ricercatori si attendono lo sviluppo di più di 150 organoidi a partire dai diversi tipi di tumore. Il centro veronese, diretto da Aldo Scarpa e Vincenzo Corbo, contribuirà al progetto internazionale mettendo a disposizione l’infrastruttura della “biobanca del tessuto tumorale”, che comprende materiale biologico e informazioni rilevanti appartenenti a oltre 5000 pazienti malati di cancro.

Il nuovo progetto - spiegano i ricercatori - non ha precedenti: utilizzerà nuove metodologie e tecnologie per favorire la creazione di modelli di malattia neoplastica in grado di innovare la ricerca sul cancro e fare un reale passo in avanti nello sviluppo di terapie tumorali sempre più efficaci. I dati delle ricerche, insieme alle relative informazioni cliniche e ai dati di sequenziamento, saranno messi a disposizione dell’intera comunità scientifica, in modo da poter lavorare di concerto con l’obiettivo comune di sconfiggere ogni tipo di cancro, studiandone la generazione, la progressione e il trattamento”.

La “missione” del Centro di ricerca ARC-NET, nato nel 2007 grazie a un’iniziativa congiunta tra l’Università di Verona, l’Università Ospedaliera di Verona e la Fondazione Cariverona, è l’accelerazione dei processi di scoperta, selezione e validazione clinica di nuovi marcatori e bersagli molecolari della malattia tumorale, allo scopo di sviluppare applicazioni cliniche in campo diagnostico, prognostico e terapeutico. L’infrastruttura del Centro comprende piattaforme tecnologiche, laboratori per lo sviluppo di modelli cellulari e animali, banche di materiali biologici e informazioni clinico-patologiche.

Il Centro opera inoltre per mettere “in rete” le principali figure professionali coinvolte nella ricerca oncologica, favorendo l’integrazione delle diverse competenze cliniche, laboratoristiche, biologiche e scientifiche, assicurando infine la continuità di un alto livello di competenza attraverso la formazione di giovani ricercatori. I ricercatori che afferiscono ad ARC-NET hanno già all’attivo più di 180 studi pubblicati sulle più prestigiose riviste scientifiche internazionali.

Data pubblicazione 03/10/2017
Fonte Università di Verona
Tag Scienze della vita
Approfondimenti