A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Medicina personalizzata: l’Italia guida il progetto europeo Regions4PerMed

Medicina personalizzata: l’Italia guida il progetto europeo Regions4PerMed

Regions4PerMed è un progetto europeo orientato a supportare lo sviluppo della medicina personalizzata, valorizzando il ruolo cruciale delle Regioni e la collaborazione tra le realtà locali. Il progetto si avvale di un finanziamento di 1,7 milioni di euro dall’Europa e vede l’Italia protagonista con due realtà d’eccellenza nell’ambito delle scienze delle vita: la Fondazione Toscana Life Sciences, coordinatore del progetto, e la Fondazione Regionale per la Ricerca Biomedica della Regione Lombardia.

Regions4PerMed, acronimo di Interregional coordination for a fast and deep uptake of personalised health, affronterà temi come intelligenza artificiale e cartelle cliniche elettroniche, telemedicina e procurement innovativo, con l’obiettivo di individuare i maggiori ostacoli allo sviluppo della medicina personalizzata, indicando allo stesso tempo gli eventuali investimenti da attivare in ambito nazionale e interregionale.

Il progetto poggia le basi sul dialogo tra esperti provenienti da 50 regioni europee, con l’obiettivo di coinvolgere fino a 180 diverse regioni e oltre 1.000 stakeholder. Oltre a coordinare le politiche regionali, il progetto si propone favorire lo sviluppo della medicina personalizzata in Europa e fornire orientamenti alla Commissione europea, agli Stati membri e alle autorità regionali sui programmi di investimento.

Da queste attività nascerà la medicina del futuro”, ha commentato Paola Ricciardi Castagnoli, immunologa e Direttore Scientifico di Fondazione Toscana Life Sciences, “dove sarà possibile intervenire molto più precocemente sullo sviluppo delle patologie attraverso l’identificazione di biomarkers prognostici. I pazienti saranno trattati con farmaci più adeguati e scelti su una base precisa di conoscenza del genoma e dell’espressione genica del singolo paziente”, ha concluso Castagnoli.

Il progetto avrà una durata quadriennale e terminerà nel 2022.

 

Data pubblicazione 18/12/2018
Fonte Toscana Life Sciences
Tag Salute , Scienze della vita