A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

IIT e UNIBO uniti per affrontare le malattie del neurosviluppo

IIT e UNIBO uniti per affrontare le malattie del neurosviluppo

Il progetto Minded, coordinato dall’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) con la partecipazione dell'Università di Bologna (UNIBO) con il programma Unibo Launchpad, è stato premiato dall’Europa con un co-finanziamento di 4 milioni di euro, per un totale di 6 milioni di investimento, nel quadro delle Marie Skłodowska-Curie Actions.

Il progetto permetterà l’avvio di un nuovo piano formativo per 24 nuovi giovani ricercatori da tutto il mondo che saranno assunti tramite bando internazionale lanciato entro l’estate 2017, ed inseriti in un programma di formazione interdisciplinare di quattro anni finalizzato allo scopo di identificare terapie innovative per le malattie del neurosviluppo, patologie, spesso genetiche, che limitano la plasticità del cervello in un periodo critico dello sviluppo, bloccando la normale maturazione delle aree legate alle percezioni sensoriali.

I disturbi del neurosviluppo comprendono una grande varietà di patologie tra cui la disabilità intellettiva, i disturbi del linguaggio, i disturbi dello spettro autistico, i disturbi dell’apprendimento, i deficit di attenzione e i disturbi di iperattività.

Nell'Unione è stata registrato un aumento dei disturbi dello spettro autistico, con percentuali superiori a 100 casi per 10.000 persone, di circa dieci volte maggiore rispetto alla diffusione di tumori cerebrali infantili, senza che sia stata individuata una terapia efficace e con l’esigenza di prendersi cura dei pazienti per l’intera durata della loro vita con un impatto notevole sui sistemi sanitari nazionali.

La formazione sarà interdisciplinare e, senza tralasciare gli aspetti sociali, economici e di valorizzazione commerciale, riguarderà competenze imprenditoriali finalizzate allo sviluppo di nuove tecnologie e ricerca d’avanguardia in nanomedicina, neuroscienze e robotica.

I giovani ricercatori avranno a disposizione un periodo di 4 anni per la loro formazione durante il quale potranno approfittare di un network internazionale di istituti scientifici e clinici e la possibilità di trascorrere un periodo di esperienza sui temi del trasferimento tecnologico in aziende start-up in Silicon Valley, in Usa, e presso l’EMA- European Medicines Agency a Londra.

La ricerca in neuroscienze permetterà lo studio delle cause genetiche e delle aree cerebrali coinvolte nelle diverse patologie, alla ricerca di nuove e più efficaci terapie, utilizzando le nanoparticelle per il trasporto specifico di queste nuove molecole sul tessuto malato, personalizzando l’intervento in relazione al profilo genetico del paziente. Robotica e neuroscienze cognitive potranno migliorare la diagnosi precoce di alcune malattie del neurosviluppo valutando le anomali nel comportamento delle persone.

Le competenze in campo economico e di trasferimento tecnologico aiuteranno i giovani ricercatori a progettare e realizzare dispositivi diagnostici e terapie adattabili alle esigenze del personale clinico e dei pazienti, senza trascurare gli aspetti di proprietà intellettuale e creazione di nuove imprese, ai quali contribuirà l’Università di Bologna attraverso Unibo Launchpad, l’innovativo progetto di formazione che dal 2015 accompagna i giovani ricercatori nella realizzazione del loro potenziale imprenditoriale.

Grazie a Unibo Launchpad, i ricercatori prescelti dal progetto Minded potranno confrontarsi e interagire con colleghi che hanno già avviato percorsi imprenditoriali, unitamente a una nutrita rete di mentori, investitori e docenti impegnati a costruire percorsi sfidanti di valorizzazione commerciale della ricerca.

Il progetto Minded rispecchia la filosofia alla base delle Marie Skłodowska-Curie Actions, ovvero la convinzione che la circolazione di idee e lo scambio di buone pratiche di scienza tra ricercatori di diversi paesi, permettano ai buoni “cervelli” di acquisire nuove competenze e impostare una carriera di alto livello.

I partner di Minded sono: in Italia l’Università di Bologna, l’IIT e la SISSA di Trieste, in Francia l’Université Paris–Sud, in Inghilterra la Durham University e l’University College of London, in Portogallo l’Universidade do Minho, in Germania il Deutsches Krebsforschungszentrum in Heidelberg, il Max Planck Gesellschaft di Monaco e il Forschungszentrum di Jülich, nei Paesi Bassi il Radboud University Medical Center, in Svizzera l’EPFL-Ecole Polytechnique Federale de Lausanne, in Finlandia i Charles River Labs, in Israele la Tel Aviv University e negli Stati Uniti la Stanford University.

Data pubblicazione 04/05/2017
Fonte UNIBO
Tag Salute , Smart Communities
Approfondimenti