A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Adroterapia del futuro: con ELIMED approda a Praga la tecnologia dell’INFN

Adroterapia del futuro: con ELIMED approda a Praga la tecnologia dell’INFN

L’adroterapia – una tecnica innovativa per il trattamento dei tumori basata sull’uso di fasci di particelle – compie un importante passo avanti con l’inaugurazione, a Praga, dell’infrastruttura ELIMAIA.

Il progetto – a cui l’Italia fornisce un contributo fondamentale con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare-INFN – punta a testare la possibilità di trattare i tumori con fasci di particelle accelerati utilizzando laser non convenzionali, basati su tecnologia al plasma. 

Acronimo di ELI Multidisciplinary Applications of Laser-Ion Acceleration, ELIMAIA vede come sua componente chiave ELIMED: la linea di fascio della prima sala per attività precliniche del nuovo centro di adroterapia, in costruzione Praga. 

La linea di fascio ELIMED è stata realizzata dai Laboratori Nazionali del Sud-LNS dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare-INFN, nell’ambito del progetto europeo ELI-Extreme Light Infrastructure. 

La realizzazione di ELIMED è stata possibile grazie all’esperienza maturata ai Laboratori Nazionali del Sud, dove dal 2002 è attivo il primo centro italiano di protonterapia (CATANA) e grazie alle competenze sviluppate in fisica medica e in particolare in adroterapia dai ricercatori dell’INFN” ha spiegato Pablo Cirrone, alla guida del gruppo dei LNS che ha ideato e realizzato il progetto.

La linea di fascio è ospitata in una sala sperimentale dedicata al trasporto, la selezione e diagnostica di fasci di protoni e ioni accelerati utilizzando laser di altissima potenza, da impiegare in applicazioni adroterapiche e radiobiologiche. Una volta operativa, la sala sarà la più completa al mondo nel suo genere, con strumentazioni d’avanguardia per ricerche in fisica, in dosimetria e per le attività precliniche.

L’obiettivo scientifico del progetto è testare la possibilità di impiegare nel trattamento dei tumori protoni prodotti da una sorgente laser non convenzionale. In particolare, nel centro di Praga i fasci di particelle saranno accelerati in plasmi, anziché da acceleratori di particelle, sfruttando l’interazione tra materia e laser. 

"ELIMAIA sarà la prima beamline a tecnologia laser non convenzionale interamente dedicata agli utenti interessati a studiare applicazioni multidisciplinari con l’impiego di ioni. La linea ELIMED sarà fondamentale per migliorare la qualità del fascio di ioni e per avere il controllo della dose rilasciata ai campioni in tempo reale” ha aggiunto Daniele Margarone, leader del Programma di test e ricerca del progetto ELIMAIA.

L’infrastruttura ELIMAIA entrerà nella piena operatività nel 2019, aprendo le porte alla comunità  scientifica internazionale per sperimentazioni multidisciplinari nei campi della biologia, medicina, chimica, scienza dei materiali, ingegneria e archeologia. 

Data pubblicazione 31/12/2019
Fonte INFN
Tag Scienze fisiche e ingegneria
Approfondimenti