A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Ulcere cutanee: per valutarle ora basta un tablet

Ulcere cutanee: per valutarle ora basta un tablet

Si chiama Wound Viewer ed è il tablet che a breve permetterà di valutare più facilmente le ulcere cutanee, una delle patologie più diffuse nei paesi occidentali che colpisce soprattutto la popolazione anziana. Le ulcere sono ferite che non guariscono, quindi costituiscono un rilevante problema per l’assistenza sanitaria in termini di risorse umane, materiali e tecnologiche.

Acquisendo e processando immediatamente le immagini, Wound Viewer, dispositivo medico di classe 1, fornirà con un algoritmo di intelligenza artificiale, i parametri fondamentali delle lesioni al personale sanitario registrati in cartelle cliniche digitali.

Il suo impiego porterà un miglioramento della produttività e dei tempi, e la possibilità di identificare immediatamente la terapia migliore da adottare, riducendo di oltre il 30% il rischio di complicazioni cliniche. Inoltre, le immagini acquisite potranno essere visualizzate a distanza da altri operatori autorizzati, consentendo la consultazione in remoto dei dati sanitari rilevati dallo strumento.

Il tablet è stato realizzato da Omnidermal, spin-off del Politecnico di Torino, fondata da Jacopo Secco e Marco Farina, in collaborazione con Elia Ricci, medico specializzato nel trattamento e nelle cure delle ulcere cutanee, ed è frutto della collaborazione tra  ASLTO3 e Politecnico di Torino, che ha consentito la nascita di una importante cooperazione tra gli operatori sanitari e i giovani ingegneri della startup.

Questa nuova tecnologia, progettata per valutare l’evoluzione della lesione, aiuterà i professionisti in tutte le fasi del processo: dal momento dell’inquadramento diagnostico fino alla definizione di un appropriato programma terapeutico.

Data pubblicazione 10/10/2017
Fonte POLITO
Tag Salute