A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

TOX-OER, come apprendere chimica e tossicologica in maniera innovativa

TOX-OER, come apprendere chimica e tossicologica in maniera innovativa

Un corso online, open access, disponibile in sette lingue, per l’apprendimento della chimica e della tossicologia.

È il prodotto del progetto Erasmus TOX-OER, un MOOC con materiali didattici innovativi, giochi, video e contenuti interattivi, in cui sono coinvolti sette atenei e centri di ricerca europei, tra cui l’Università di Bologna, con i suoi dipartimenti di Farmacia e Biotecnologie e di Scienze dell’Educazione.

I MOOC, (Massive Open Online Courses,) sono corsi online pensati per garantire una formazione a distanza al maggior numero di utenti possibile. I partecipanti accedono ai contenuti unicamente via rete senza che sia richiesto il pagamento di una tassa di iscrizione.

Il passaggio da una didattica trasmissiva e nozionista a una più interattiva e partecipativa” spiega Stefano Girotti, docente Unibo e coordinatore del progetto per l’ateneo felsineo “è un obiettivo molto importante da raggiungere per garantire il successo formativo di ogni studente, anche nel campo della formazione online”.

Chiunque può accedere al MOOC e ai suoi materiali didattici attraverso il sito web di TOX-OER, su cui sono inoltre disponibili gratuitamente il sillabo del corso online e il libro “Challenges in Open Educational Resources: The Case of TOX-OER MOOC”, che racconta il percorso e i risultati del progetto.

Per l’Università di Bologna, insieme a Stefano Girotti, hanno preso parte al progetto, Laura Mercolini, Michele Protti, Roberto Mandrioli, Dario Basile per gli aspetti scientifici e Luigi Guerra, Luca Ferrari, Andrea Reggiani, Laura Corazza, Elena Pacetti, Manuela Fabbri, Marco Nenzioni per gli aspetti pedagogici e metodologici.

Data pubblicazione 07/06/2018
Tag Scienze della vita , Smart Communities