A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Roberto Burioni vince il Premio Asimov 2017, istituito dal Gran Sasso Science Institute

Roberto Burioni vince il Premio Asimov 2017, istituito dal Gran Sasso Science Institute

Il Premio Asimov è un riconoscimento annuale nato nel 2016 ad opera del Gran Sasso Science Institute (GSSI) dell’Aquila, istituito allo scopo di diffondere la cultura scientifica in Italia premiando i libri di disseminazione scientifica pubblicati nel nostro Paese nell'anno precedente al premio.

Il premio, che si ispira al Royal Society Science Books Prize e prosegue l'opera del Premio letterario Galileo per la divulgazione scientifica di Padova, è aperto agli autori di libri di argomento scientifico pubblicati per la prima volta e indirizzati ad un pubblico di non specialisti, è dedicato ad Isaac Asimov, scrittore, scienziato, eccellente divulgatore scientifico.

L’obiettivo è quello di coinvolgere e far avvicinare gli studenti alla scienza, raccontando informalmente le questioni più attuali della ricerca scientifica attraverso le migliori opere divulgative pubblicate recentemente, e favorire lo sviluppo di un approccio critico e razionale verso la realtà. 

In questa edizione, oltre alle scuole abruzzesi coinvolte nella prima edizione del premio, il premio ha visto la partecipazione delle scuole della Puglia e della Sardegna, grazie alla collaborazione con la sezione di Lecce e di Cagliari dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), il Dipartimento di Matematica e Fisica “E. De Giorgi” dell’Università del Salento, di concerto con i Laboratori Nazionali del Gran Sasso e con le università di L'Aquila, Lecce e Cagliari.

Quest’anno la giuria, composta da oltre 1400 studenti italiani, ha assegnato il Premio al libro "Il vaccino non è un’opinione" del medico e immunologo Roberto Burioni, che succede al chimico e divulgatore inglese Peter Atkins, vincitore lo scorso anno con il libro “Che cos’è la chimica?”.

Medico immunologo, ricercatore e professore Ordinario di Microbiologia e Virologia presso l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, Roberto Burioni è noto al grande pubblico per la sua attività divulgativa, svolta soprattutto attraverso la sua pagina Facebook, a difesa della verità scientifica sui vaccini e contro le tesi antivacciniste.

“Questo premio è per me una sorpresa e una gioia – dichiara Roberto Burioni – Una sorpresa perché un anno fa non sapevo di essere in grado di scrivere e comunicare la scienza; una gioia perché è un premio prestigioso e soprattutto perché il libro è stato votato da giovani delle scuole superiori, che sono il futuro del nostro paese”.

“Il motivo per cui ho scritto questo libro – prosegue Burioni – è proprio guardando il futuro, del quale loro saranno protagonisti, immaginando un mondo più sicuro grazie alle vaccinazioni ma soprattutto una società dove la verità e la scienza trionfano sulle falsità e sulla superstizione, dove chi lavora umilmente per migliorarsi riceve rispetto e considerazione: un mondo che i ragazzi di oggi potranno costruire con l'impegno, il lavoro e l'istruzione”, conclude l’autore.

Nel corso della cerimonia, il comitato scientifico del concorso ha premiato 15 studenti per ogni regione tra quelli che si sono distinti come autori delle migliori recensioni.

L’iniziativa è patrocinata dalla Regione Abruzzo, dall'Accademia dei Lincei, dalla Società Italiana di Fisica (SIF), dalla Società Italiana di Relatività Generale e Fisica della Gravitazione (SIGRAV), dall’Università di Cagliari e dal Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze (CICAP). L’evento di premiazione si è svolto a Lecce nell’ambito del progetto “Lecce Città del Libro 2017”.

Data pubblicazione 17/05/2017
Fonte ASI
Tag Smart Communities
Approfondimenti