A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Rintracciati fossili di una balena pigmea in Sicilia e in Giappone

Rintracciati fossili di una balena pigmea in Sicilia e in Giappone

Sorprendendo ricercatori e teorie, sono stati recentemente localizzati nuovi resti fossili appartenenti alla balena pigmea (o Caperea) in Sicilia e in Giappone, contrariamente alle ipotesi che circoscrivevano la distribuzione del cetaceo alle acque fredde e temperate dell’emisfero australe.

Anche se poco si sa di questa piccola balena che non supera i sei metri e mezzo di lunghezza e dei suoi legami con gli altri cetacei, gli avvistamenti e i fossili rinvenuti sembravano confermare che anche in passato i suoi antenati vivessero esclusivamente negli oceani dell'emisfero australe.

Due gruppi di ricerca hanno invece ritrovato, quasi contemporaneamente, nuovi resti fossili di Caperea molto distanti tra loro ed entrambi a nord dell'equatore, fuori dall'area di distribuzione di questa balena.

Il fossile siciliano è costituito da un osso dell'orecchio scoperto vicino Siracusa, ora conservato al Museo di Storia Naturale di Comiso, mentre il reperto giapponese è un cranio incompleto trovato vicino Okinawa. Si è quindi composto un team internazionale di ricercatori, di cui fanno parte paleontologi italiani dell'Università di Pisa, dell'Istituto di Geoscienze e Georisorse del Consiglio Nazionale delle Ricerche e del Museo di Storia Naturale di Comiso, che hanno pubblicato la scoperta su Current Biology.

Ma cosa può aver spinto una balena così caratteristica dell'emisfero sud ad oltrepassare l'equatore e ad occupare nuovi habitat nell'emisfero nord? I ricercatori attribuiscono questa anomalia al forte raffreddamento dell’Atlantico, che ha spinto questi cetacei verso il Mediterraneo durante una glaciazione del Pleistocene. Al termine di ogni fase glaciale, la barriera equatoriale si sarebbe ripristinata separando di nuovo le popolazioni dei due emisferi.

Data pubblicazione 30/11/2017
Fonte UNIPI
Tag Scienze della vita