A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Relazione tra genetica e infortuni muscolari, premiati a Rio i ricercatori dell’ateneo di Cagliari

Relazione tra genetica e infortuni muscolari, premiati a Rio i ricercatori dell’ateneo di Cagliari

Grazie ad uno studio compiuto su oltre 500 calciatori professionisti, che ha messo in luce la relazione tra genetica e infortuni muscolari, il team di ricercatori dell’Università di Cagliari guidato da Carla Maria Calò, è stato premiato con l’Aspetar Award nel corso del 35esimo congresso mondiale di Medicina dello sport che si è svolto a Rio.

I ricercatori dell’Università di Cagliari hanno individuato i geni responsabili delle variazioni di performance e della predisposizione agli infortuni nei calciatori. Analizzando il DNA dei calciatori, gli studiosi hanno identificato una relazione tra il polimorfismo del gene ACE I/D e gli infortuni muscolari, riscontrando un'associazione significativa con il genotipo DD a prescindere dall’etnia dei giocatori.

La docente dell’ateneo cagliaritano ha coordinato il lavoro del team di cui hanno fatto parte la dottoranda Myosotis Massidda, Marco Scorcu e Paolo Cugia, medici del Cagliari calcio, la Juntendo University, la Nippon Sport Science University di Tokyo e la Federazione medico sportiva italiana.

"Ritengo questo risultato molto importante per il futuro delle Scienze motorie e della Medicina dello sport, che oramai dovrebbe avere uno step obbligato che passa attraverso la genetica" ha commentato Carla Maria Calò "I risultati scientifici ottenuti con le nostre ricerche consentiranno di costruire tabelle di allenamento personalizzate in funzione del patrimonio genetico degli atleti. Tabelle finalizzate ad ottimizzare le prestazioni e ridurre il rischio di infortuni e recidive. Grazie ai risultati e ai riconoscimenti scientifici ottenuti in campo internazionale, il progetto ha assunto caratteri intercontinentali e vanta collaborazioni di pregi con atenei italiani, giapponesi, australiani, russi, polacchi e lituani" ha concluso la professoressa Calò.

Data pubblicazione 18/10/2018
Fonte UNICA
Tag Salute , Scienze della vita