A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Redatti gli standard per lo studio delle proteine antiche

Redatti gli standard per lo studio delle proteine antiche

Un gruppo internazionale di ricercatori, tra cui quelli dell’Università di Torino, ha stilato alcune linee guida sulla Paleoproteomica, disciplina che consiste nel sequenziamento di proteine antiche utilizzando tecnologie innovative nello studio delle molecole proteiche.

Secondo le linee guida, pubblicate su Nature Ecology & Evolution, gli scienziati possono utilizzare le proteine sopravvissute per studiare gli aspetti più svariati: da specie estinte, fino alla dieta umana nel passato e all’evoluzione delle malattie, ricomporre le relazioni tra animali estinti, ricostruire la diffusione delle attività casearie preistoriche, qualificare la risposta immunologica in individui morti da migliaia di anni, dando risposte agli interrogativi dei ricercatori

La Paleoproteomica è balzata all’attenzione degli scienziati in anni recenti diventando un filone di ricerca in rapida espansione, ma essendo una disciplina nata da poco, era necessario stabilire standard rigorosi e condivisi, per evitare errate interpretazione dei dati.

Per questo gli autori della guida hanno messo insieme delle “buone pratiche” sui metodi di campionamento, la preparazione e l’analisi, il trattamento e la pubblicazione open-access dei dati.

"Questo studio nasce anche dall’esperienza di aver appena stabilito, qui all’Università di Torino, un laboratorio dedicato alla preparazione di campioni antichi per la paleoproteomica, grazie al programma “Giovani Ricercatori - Rita Levi Montalcini” e al supporto del Rettore e dei miei colleghi” - dice Beatrice Demarchi, del Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi. “È quindi una riflessione sullo stato dell’arte di una disciplina che vuole essere accessibile ai ricercatori di area scientifica ed umanistica, mantenendo il medesimo rigore metodologico”.

Data pubblicazione 15/05/2018
Fonte UNITO
Tag Scienze della vita