A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Presentato il Codice Europeo per l’Integrità della Ricerca

Presentato il Codice Europeo per l’Integrità della Ricerca

Promuovere una condotta responsabile nel campo della ricerca migliorando la qualità e l’affidabilità dell’attività scientifica è l’obiettivo del Codice Europeo per l’Integrità della Ricerca, di cui è stata recentemente presentata una versione aggiornata.

Il nuovo Codice è stato elaborato dalle istituzioni accademiche europee attive nella ricerca in campo scientifico e umanistico, attraverso il loro organismo di rappresentanza - la All European Academies federation (ALLEA) - in stretta collaborazione con la Commissione Europea. Per massimizzare l’adozione del nuovo Codice, i lavori sono stati condotti consultando i principali stakeholder del settore pubblico e privato a livello europeo.

A confronto con il precedente codice, il nuovo documento tiene conto degli sviluppi più recenti nel campo della Open Science, compreso il tema della gestione e della qualità dei dati utilizzati nell’attività di ricerca. Il documento chiarisce inoltre le responsabilità delle organizzazioni scientifiche, supportandole nella promozione di un ecosistema della ricerca centrato sulla nozione di integrità. Più conciso del precedente, il nuovo Codice si pone l’obiettivo di assistere gli Stati e gli istituti di ricerca nazionali a definire le proprie strategie e linee di azione e di contribuire a una “governance” più coerente a livello europeo nei settori della ricerca e dell’innovazione.

Concepito per rispondere alle esigenze del fare ricerca oggi, il Codice offre un quadro di riferimento generale, che può essere ulteriormente sviluppato dai sistemi di ricerca e dalle istituzioni nazionali o declinato nei diversi ambiti scientifici, tenendo conto delle specificità disciplinari. La Commissione Europea assume i contenuti del Codice come standard in materia di integrità della ricerca per i progetti finanziati da Horizon 2020, il Programma Quadro per la Ricerca e l’Innovazione dell’Unione Europea.

Data pubblicazione 10/04/2017
Fonte Commissione Europea