A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Piano Sulcis per un centro d’eccellenza sull’energia pulita in Sardegna

sulcisSono stati stanziati 30 milioni di euro per la realizzazione di un centro di ricerca sull’energia pulita in Sardegna.

L’intesa è stata firmata da ENEA, Ministero dello Sviluppo Economico, Regione Autonoma della Sardegna e Sotacarbo – società controllata da ENEA e Regione Sardegna – con l’obiettivo di realizzare un programma decennale di attività di ricerca nell’ambito del polo tecnologico del Sulcis.

L’accordo mira inoltre ad attivare sinergie sul territorio per massimizzare le ricadute delle conoscenze prodotte sul contesto locale.

Gli interventi riguarderanno quattro settori: tecnologie per l’uso sostenibile di combustibili fossili, di cui l’area del Sulcis è storicamente zona di estrazione; efficienza energetica nell’edilizia; sviluppo delle fonti rinnovabili con sistemi di accumulo; valorizzazione energetica dei rifiuti e degli scarti della chimica verde.

L’intesa è la naturale evoluzione del Piano Sulcis, un protocollo sottoscritto nel 2012 da Governo Italiano e Regione Autonoma della Sardegna, che prevedeva anche la costituzione di un centro di eccellenza sull’energia pulita, a cui è seguito – nel 2013 – un ulteriore Protocollo volto allo sviluppo di un polo tecnologico di ricerca sul carbone pulito e alla costruzione di una centrale elettrica clean coal technology.

Data pubblicazione 04/09/2014
Fonte Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile