A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Pastorizzazione alimentare: dall’ENEA un prototipo green per tagliare costi e tempi

Pastorizzazione alimentare: dall’ENEA un prototipo green per tagliare costi e tempi

Un prototipo a basso impatto ambientale per la pastorizzazione degli alimenti negli impianti di piccola taglia, in grado di ridurre i consumi energetici del 42% nel corso dell’intero processo. A realizzarlo è stata l'ENEA-Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile.

Il processo di pastorizzazione, che permette di distruggere gli organismi patogeni presenti in alimenti come latte, birra, vino e succhi di frutta, è costituito di tre fasi: riscaldamento - che richiede di mantenere l’alimento per 15-30 minuti a temperature fino a 85 °C - raffreddamento e conservazione della miscela alimentare.

L’innovativo prototipo PA.CO2 (PAsteurization with CO2) sviluppato dall’ENEA impiega l’anidride carbonica come refrigerante e sfrutta una pompa di calore per riscaldare e raffreddare il fluido trattato. Il dispositivo è inoltre dotato di un sistema di controllo innovativo, che ottimizza il ciclo termodinamico e consente di rendere l’intero processo di pastorizzazione più efficiente, con un risparmio energetico totale di oltre 3 kWh per ciclo. “Il fluido di lavoro può raggiungere temperature notevolmente superiori a quelle ottenibili con tecnologie tradizionali, consentendo quindi di effettuare la pastorizzazione con tempi e consumi molto minori”, ha sottolineato Luca Saraceno, ricercatore dell’ENEA.

 

Data pubblicazione 06/12/2018
Fonte ENEA
Tag Agrifood , Scienze fisiche e ingegneria