A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Onde radio nelle galassie, nuova teoria da ricercatori Unical

Onde radio nelle galassie, nuova teoria da ricercatori Unical

Una nuova teoria sull’accelerazione delle particelle alle onde d'urto sviluppata da Gaetano Zimbardo e Silvia Perri, ricercatori dell’Università degli Studi della Calabria, fornisce alla comunità scientifica internazionale un importante contributo per la spiegazione del fenomeno dell’emissione radio negli ammassi di galassie. Lo studio ha meritato la pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica Nature Astronomy.

Le recenti osservazioni nel campo dell’astrofisica avevano portato gli studiosi a sostenere che le caratteristiche di questa accelerazione non potevano essere spiegate dalla teoria standard dell’accelerazione diffusiva delle onde d’urto. In questo contesto, la teoria di “accelerazione superdiffusiva” sviluppata dai ricercatori italiani, già testata sulla bolla di gas ionizzato di origine solare che investe il sistema solare, sembra fornire una plausibile chiave interpretativa del complesso fenomeno.

Gli ammassi di galassie – spiegano i ricercatori – sono le più grandi concentrazioni di materia dell'Universo e sono soggetti alla reciproca attrazione gravitazionale. Precipitando uno sull’altro, questi ammassi formano nel gas intergalattico gigantesche onde d'urto che possono accelerare gli elettroni a energie relativistiche. Questi elettroni spiraleggiano nel campo magnetico intergalattico emettendo radiazione di sincrotrone (nelle quali il campo magnetico e il campo elettrico di accelerazione sono sincronizzati - NdR). Il nostro lavoro si basa su una nuova teoria di accelerazione di particelle alle onde d'urto in cui le particelle diffondono in modo superdiffusivo, cioè molto rapido, aumentando l'efficienza dell'accelerazione stessa”.

Data pubblicazione 11/09/2017
Fonte Università della Calabria
Tag Scienze fisiche e ingegneria
Approfondimenti