A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Le nonne? Scelgono i nipoti

Le nonne? Scelgono i nipoti

Dovendo scegliere tra lavoro e nipoti, le nonne scelgono i nipoti. È arrivata a questa conclusione la ricerca di Peter Rupert dell’University of California-Santa Barbara e Giulio Zanella dell’Università di Bologna, recentemente pubblicata sul Journal of Public Economics.

Il fenomeno potrebbe avere risvolti preoccupanti in considerazione dell’innalzamento dell’età lavorativa che sta aumentando con la crescita dell’aspettativa di vita.

Dallo studio, basato su un campione di oltre novemila famiglie americane, emergono due considerazioni: se è vero che i nonni sono un prezioso aiuto per la cura e la gestione dei nipoti, d’altra parte, poiché molti nonni sono ancora in età lavorativa, questo loro attaccamento ai nipoti può trasformarsi in un minore attaccamento al lavoro.

Quando si trovano a scegliere tra cura dei nipoti e lavoro, spesso i nonni scelgono di sacrificare il lavoro, riducendo il proprio impegno ad esempio con forme di part-time o rinunciando a forme occasionali di lavoro” - spiega Giulio Zanella, ricercatore al Dipartimento di Scienze economiche dell’Università di Bologna, coautore dello studio “Questo fenomeno, che è vero soprattutto per le nonne, è però potenzialmente problematico, perché con la crescita dell’aspettativa di vita dovrebbe aumentare anche la durata della vita lavorativa”.

Per controllare questo fenomeno i ricercatori suggeriscono alcune proposte, tra cui un “congedo granparentale” che potrebbe garantire una pausa dal lavoro per i nonni impegnati nella cura dei nipoti, o una riduzione sulla tassazione del reddito da lavoro, per incentivare le nonne a non ridurre il proprio impegno sul lavoro, impiegando il maggior reddito per sostituire i nonni con babysitter, potenziando asili nido e scuole dell’infanzia.

Data pubblicazione 16/04/2018
Fonte UNIBO
Tag Scienze umanistiche e sociali