A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

La postura ha condizionato la forma dei denti

La postura ha condizionato la forma dei denti

Uno studio pubblicato su Scientific Reports, dimostra che, a partire dai nostri più antichi antenati di milioni di anni fa, la postura eretta ottenuta dall’uomo nel corso dell’evoluzione avrebbe influenzato la nostra occlusione dentaria.

La ricerca, coordinata da Giorgio Manzi del Dipartimento di Biologia ambientale della Sapienza, è stata realizzata in collaborazione con l’Università Federico II di Napoli e l’Università di Firenze.

I risultati dell’analisi hanno attestato l’esistenza di una stretta relazione tra locomozione bipede e occlusione dentaria, confutando la diffusa opinione che quest’ultima derivi dai cambiamenti nella dieta avvenuti con l’uso dei primi strumenti e l’uso del fuoco.

I ricercatori, confrontando tra loro la forma delle mandibole di primati estinti e viventi, hanno riscontrato che il mascellare inferiore della nostra specie ha interessato anche i nostri antenati più antichi, milioni di anni prima dell’utilizzo di strumenti, della scoperta del fuoco e della cottura del cibo, anche in specie con abitudini alimentari differenti tra loro.

Il nuovo assetto posturale dei nostri antenati, che ha implicato il cambiamento posizionale della struttura di collo, mandibola e cranio, ha prodotto a cascata una serie di effetti, consentendo alle prime forme di ominidi bipedi di adattarsi al consumo di alimenti più consistenti e successivamente di modificare la dieta in senso carnivoro.

Data pubblicazione 02/07/2018
Fonte Sapienza Università di Roma
Tag Scienze umanistiche e sociali