A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Il calamaro gigante esiste e il CNR lo ha mappato

Il calamaro gigante esiste e il CNR lo ha mappato

Grazie ad una ricerca realizzata dall’ISTI-CNR - Istituto di scienza e tecnologie dell’informazione ‘A. Faedo’ del CNR di Pisa, è stata realizzata la prima mappa di avvistamento del calamaro gigante, la cui esistenza ha popolato film e libri, a partire dalla Storia degli animali di Aristotele, fino alle ultime notizie che arrivano dai pescatori del mar del Giappone nel 2015.

La mappa, pubblicata sulla rivista Ecological Modelling, rappresenta cronologicamente la presenza di questo gigantesco animale nelle acque di tutto il mondo, ed è stata costruita utilizzando i Big data, il Cloud computing e le Infrastrutture digitali collaborative, e mettendo in correlazione i dati acquisiti sugli habitat con rilevazioni reali e presunte.

Il primo spiaggiamento certificato del cefalopode risale al 1639, ritrovato sulle rive della Norvegia dal naturalista Japetus Steenstrup. Le dimensioni del calamaro corrispondono effettivamente alle leggende che lo circondano, con una lunghezza che può arrivare fino ai 18 metri. Gli ultimi avvistamenti ufficiali rimandano al 2009-2010, dal Golfo del Messico fino alle coste della Florida, e al periodo 2012-2015 in Giappone, forse presente anche nel Mar del Nord” - spiega Gianpaolo Coro, ricercatore ISTI-CNR.

L’aspetto interessante della ricerca è che unendo le informazioni raccolte negli archivi digitali, è stato possibile realizzare delle mappe interattive per qualsiasi specie animale. L’ISTI-CNR, in collaborazione con la FAO, ha creato delle mappe digitali per 406 specie marine. In questo modo è in grado di monitorarne i cambiamenti degli habitat da qui al 2050, in relazione ai mutamenti climatici, rilevando che molte delle specie indagate potrebbero perdere gran parte del loro habitat a causa dei rialzi di temperatura dei mari.

Data pubblicazione 17/07/2017
Fonte CNR
Tag Blue growth , Scienze della vita
Approfondimenti