A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Fisica nucleare: si rafforza la collaborazione tra Italia e Argentina

argentina_400Italia e Argentina intensificano la loro collaborazione nell’ambito della fisica fondamentale e applicata. I rappresentanti della Comisión Nacional de Energía Atómica (CNEA) argentina e dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare italiano, infatti, hanno siglato un accordo di collaborazione per la ricerca in fisica nucleare, particellare e astroparticellare presso l’Ambasciata italiana a Buenos Aires.

L’intesa prevede la cooperazione scientifica e tecnologica per le attività di ricerca e per le iniziative di trasferimento tecnologico nei settori del computing avanzato, dello sviluppo e applicazione degli acceleratori di particelle e della medicina nucleare. In particolare, la collaborazione tra i due paesi prevede per la prima volta la ricerca congiunta nel settore medico, grazie alla collaborazione tra INFN di Pavia e CNEA nella ricerca sulla Terapia per Cattura Neutronica con Boro – Boron Neutron Capture Therapy, BNCT – per la terapia del cancro.

“La firma dell’accordo”, ha commentato il presidente dell’INFN, Fernando Ferroni, “consentirà di intensificare la fruttuosa collaborazione esistente tra CNEA e INFN sulla ricerca nel campo della BNCT e di estendere la cooperazione ad altri campi, facilitando inoltre lo scambio di giovani ricercatori”. Nel campo della fisica delle astroparticelle, l’INFN e le principali agenzie ed enti di ricerca mondiali hanno confermato l’impegno allo studio sui raggi cosmici di alta energia da parte dell’Osservatorio Pierre Auger, il più grande e importante osservatorio di raggi cosmici al mondo situato in Argentina, lungo la cordigliera delle Ande.

Data pubblicazione 17/11/2015
Fonte INFN
Organizzazioni INFN