A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Finanziamento di 130 milioni all'Università di Bologna da parte della BEI

Finanziamento di 130 milioni all'Università di Bologna da parte della BEI

La Banca Europea per gli Investimenti - BEI ha deciso di sostenere finanziariamente il piano di investimenti quinquennale dell’Università di Bologna che prevede l’ampliamento di cinque campus regionali. Gli interventi consistono nella prevenzione sismica, l’efficientamento energetico degli edifici e la riqualificazione di aule, laboratori di ricerca e spazi sportivi.

Il prestito previsto dalla BEI è di 130 milioni di euro, il più consistente finanziamento concesso ad un ateneo in Italia. L’importo, di poco superiore alla metà dei lavori stabiliti nel programma (222 milioni di euro), contribuirà alla realizzazione di 16 diversi progetti distribuiti sui cinque campus dell’Università di Bologna, con interventi su una superficie di circa 130mila metri quadrati.

“Il finanziamento accordato da BEI al piano degli investimenti dell’Ateneo” - ha detto Marco Degli Esposti, Direttore Generale dell’Università di Bologna - “costituisce un importante riconoscimento della solidità economico-patrimoniale dei nostri bilanci e della qualità delle nostre strategie, intesa come idoneità delle stesse a produrre sviluppo sociale ed economico duraturo nei nostri territori di riferimento”.

Ciò che è stato valutato ed apprezzato da BEI nelle analisi istruttorie per la concessione del mutuo non è stata solo la sostenibilità dello stesso per il bilancio dell’Alma Mater, ma anche l’impatto sociale degli investimenti programmati dall’Ateneo, in primo luogo in termini di creazione di occupazione giovanile qualificata, in linea con le priorità dell’agenda europea. Questo riconoscimento proveniente da un’istituzione di indiscusso prestigio e rigore quale è BEI ci rende particolarmente soddisfatti e ci incoraggia nell'attuazione dei nostri progetti”, conclude Degli Esposti.

Data pubblicazione 15/05/2018
Fonte UNIBO
Tag Smart Communities