A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Da Firenze il gel per aiutare i restauratori

Da Firenze il gel per aiutare i restauratori

Un gel in grado di eliminare validamente le tracce dei nastri adesivi usati per la conservazione delle opere d’arte e rivoluzionare le tecniche di restauro dei beni artistici. Lo ha ideato un team di ricercatori del Dipartimento di Chimica dell’Università di Firenze coordinato da Piero Baglioni.

I nastri adesivi - spiega Baglioni - sono da sempre usati per interventi di conservazione temporanea, ma spesso la loro rimozione rischia di causare danni”.

Il prodotto realizzato da UNIFI in collaborazione con il restauratore Antonio Mirabile, come documenta un articolo su PNAS, è costituito da foglietti elastici coperti da un gel formato da gocce di solvente in soluzione acquosa. Il gel depositato per pochi secondi su disegni e opere d’arte, rimuove i nastri adesivi e lo sporco senza compromettere le opere trattate.

Per testare il prodotto il gel è stato utilizzato per rimuovere il nastro adesivo da un disegno, di proprietà di un collezionista privato di Parigi, che riproduce una delle figure dell’Ascesa dei Beati della Cappella Sistina.

Usando il gel” racconta Baglioni “abbiamo scoperto l’iscrizione ‘di mano di Michelangelo’ sul disegno, probabilmente effettuato nello stesso periodo di realizzazione della Cappella Sistina e di attribuzione ancora incerta. Con lo stesso gel innovativo siamo anche riusciti a riportare all’aspetto originale un disegno di Lucio Fontana”.

I gel, sviluppati nell’ambito del progetto europeo Nanorestart” continua il ricercatore “si prestano al trattamento di opere d’arte moderne, particolarmente difficili da pulire e da conservare: li abbiamo usati con successo su opere di grande valore, come i dipinti di Picasso, Pollock e Kandinsky, conservati presso la collezione Guggenheim di Venezia, e saranno presto a disposizione dei restauratori”.

Data pubblicazione 09/10/2018
Fonte UNIFI
Tag Cultural Heritage , Scienze fisiche e ingegneria