A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Come vede il mondo un roditore? Ce lo dice una ricerca SISSA

Come vede il mondo un roditore? Ce lo dice una ricerca SISSA

Un sguardo è spesso in grado di farci riconoscere il genere o lo stato emotivo di una persona, ma il processo visivo che sovraintende questa identificazione è molto sofisticato. Una ricerca della SISSA, condotta nel laboratorio di neuroscienze visive diretto da Davide Zoccolan, pubblicata su Current Biology, ha dimostrato che anche i roditori adoperano delle strategie di riconoscimento.

I risultati dello studio confermano che l’utilizzo di questo modello animale per lo studio della visione potrà aprire nuove prospettive nello sviluppo dei sistemi di visione artificiale e di nuovi approcci diagnostici.

Nella nostra vita identifichiamo immediatamente un oggetto o uno stato d’animo, grazie alla nostra capacità di ricavare dall’immagine retinica le caratteristiche specifiche di un oggetto o di un viso e la loro correlazione nello spazio.

Attraverso uno studio di tipo comportamentale, i ricercatori hanno indagato sulla capacità dei ratti di discriminare un oggetto di riferimento rispetto ad altri oggetti, più o meno simili, utilizzando diversi metodi di riconoscimento.

Si tratta di risultati che non solo confermano la validità del modello roditore per lo studio della visione ma che possono anche avere interessanti ricadute in campo applicativo” commenta Zoccolan “Il tipo di strategie di riconoscimento visivo impiegate dai ratti sembrano infatti essere abbastanza sofisticate da poter servire di ispirazione per il miglioramento dei sistemi di visione artificiale basati su reti neurali.

Data pubblicazione 13/04/2018
Fonte SISSA
Tag Scienze della vita