A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Amiloidosi, BiovelocITA investe in Amypopharma

Amiloidosi, BiovelocITA investe in Amypopharma

BiovelocITA, il primo acceleratore italiano dedicato alle aziende biotech, investe 680 mila euro in Amypopharma, spin-off dell’Università di Milano-Bicocca che sviluppa terapie innovative per la cura delle amiloidosi.

L’investimento segue la sottoscrizione del License agreement Milano-Bicocca e Amypopharma relativo al portafoglio brevettuale riguardante nanoparticelle destinate alla terapia della malattia di Alzheimer, comprensivo delle famiglie “ABeta” e “Liposomes” nonché del marchio registrato Amyposomes®.

Grazie a questo accordo è stato possibile realizzare l’investimento per lo sviluppo di terapie innovative per la cura delle amiloidosi. Nell’ambito del piano Amypopharma disporrà per tre anni dell’uso non esclusivo di alcuni spazi universitari a tariffe agevolate.

La missione di BiovelocITA” commenta Marco Sardina, Chief Scientific Officer di BiovelocITA “è quella di creare un ponte che riesca a collegare il mondo della ricerca con quello dell’industria, individuando scoperte promettenti e potenzialmente eccezionali e trasformandole in un concreto progetto industriale”.

Con Amypopharma la scienza medica potrà fare un passo avanti nel cammino per la terapia delle amiloidosi” dichiara Gabriella Camboni, Amministratore Delegato di BiovelocITA “Amypopharma deve proseguire senza indugi sul percorso tracciato in laboratorio per arrivare quanto prima a trasformare i suoi studi in una concreta applicazione clinica”.

Data pubblicazione 21/12/2018
Fonte Milano Bicocca
Tag Salute , Smart Communities