A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Ambiente marino: le abitudini notturne dei delfini studiate nei Laboratori Nazionali del Sud

Ambiente marino: le abitudini notturne dei delfini studiate nei Laboratori Nazionali del Sud

Quali sono le abitudini di caccia dei delfini? Lo rivela una ricerca pubblicata su Scientific Reports e realizzata dai Laboratori Nazionali del Sud - LNS dell’INFN, in collaborazione con l’Istituto per l’Ambiente Marino Costiero del Consiglio Nazionale delle Ricerche - CNR-IAMC, nell’ambito del progetto FIRB SMO.

I suoni emessi da questi cetacei per localizzare prede e oggetti, denominati Click, sono stati registrati dalla stazione ONDE, installata nel 2005 a 2100 m di profondità al largo di Catania, nel sito sottomarino dei LNS. Dalla registrazione si evince che i suoni emessi dai cetacei sono molto più frequenti la notte rispetto al giorno.

L’analisi dei dati rilevati in due anni di registrazione, fornisce anche altre importanti informazioni sul comportamento di questi cetacei, le cui abitudini sono ancora poco conosciute: i delfini analizzati al largo della Sicilia orientale, utilizzano il loro “bio-sonar” diversificando il giorno dalla notte, durante la quale emettono un maggior numero di segnali di eco-localizzazione.

Secondo i ricercatori, l’aumento del numero di click dopo il tramonto riflette le dinamiche della catena alimentare marina perché i piccoli pesci e cefalopodi di cui i delfini si cibano (placton), migrano verso la superficie.

Il progetto FIRB SMO prevede piattaforme subacquee fisse dotate di sensori acustici per lo studio dei mammiferi marini e del rumore subacqueo che nasce dalle precedenti esperienze di NEMO-ONDE e LIDO e si inserisce nel contesto di EMSO-European Multidisciplinary Seafloor Observatories.  Questo progetto ha consentito di sperimentare, negli anni, le nuove tecnologie per la rivelazione acustica di particelle in mare profondo e monitorare il rumore sottomarino e le emissioni acustiche dei cetacei presenti nell’area.

Data pubblicazione 18/09/2017
Fonte INFN
Tag Blue growth , Scienze fisiche e ingegneria