A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Alzheimer, promettente la ricerca dell’UMG di Catanzaro

Alzheimer, promettente la ricerca dell’UMG di Catanzaro

Sembrano molto promettenti i primi risultati di uno studio preclinico su un possibile trattamento farmacologico della malattia di Alzheimer, coordinato dal professore Vincenzo Rispoli dell’Università degli Studi “Magna Graecia” (UMG) di Catanzaro e realizzato in collaborazione con gruppi di ricerca afferenti all’Università di Genova, all’Università Partenope e all’Istituto di Biochimica molecolare del CNR di Napoli.

Lo studio – spiega il professore – si inserisce nella linea di ricerca della valutazione preclinica di nuovi composti di sintesi e semisintesi, nonché dell’isolamento, dell’identificazione chimica e delle prove di interazione - con specifici target molecolari a livello neuronale - di composti di origine naturale. La ricerca è stata condotta con metodiche di computer modeling, con valutazione sia in vitro che in vivo”.

Due le molecole originali oggetto di studio, entrambe estratte da organismi marini, che hanno dimostrato un profilo farmacologico interessante, collocandosi nel contesto dei potenziali farmaci in grado non soltanto di rallentare la malattia neurodegenerativa, ma anche di modificarne il decorso. I primi risultati della sperimentazione sono stati presentati recentemente alla 6th International Conference and Exhibition on Pharmacology and Ethnopharmacology di Vienna.

Data pubblicazione 01/12/2017
Fonte UMG
Tag Scienze della vita