A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Dal passato al futuro della biologia marina. La Stazione Zoologica Anton Dohrn

Mission

La missione della Stazione Zoologica è la ricerca sui processi fondamentali della biologia, con specifico riferimento agli organismi marini e alla loro biodiversità, in stretto legame con lo studio della loro evoluzione e della dinamica degli ecosistemi marini, mediante un approccio integrato e interdisciplinare.  I risultati ottenuti e/o conseguibili contribuiscono all'avanzamento della biologia, incluse le ricadute biomediche, e delle conoscenze sul funzionamento del biota, termine con cui si indica il complesso degli organismi che occupano un determinato spazio in un ecosistema.

Attività

La Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli (SZN) è uno dei dodici enti di ricerca vigilati dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), il cui riordino è avvenuto a seguito del D.Lgs. n. 213/2009.

Nel panorama degli enti di ricerca nazionali e internazionali l’originalità della SZN deriva da alcune caratteristiche chiave:

  • la co-esistenza di ricerca biologica (singoli organismi) ed ecologica (complesso di organismi interagenti) mediante un approccio multidisciplinare che include ecologia, oceanografia, genetica, biologia cellulare e dello sviluppo, fisiologia, neuroscienze, biologia del comportamento, ecc.;
  • la capacità di esplorare e sviluppare metodologie e protocolli sperimentali in organismi marini che rappresentano un riferimento per importanti ricerche trasferite in altri sistemi e/o organismi;
  • le competenze su un ampio spettro di organismi, aspetto che consente ai ricercatori della SZN di affrontare problematiche ecologiche valutando l’apporto della componente biologica nella sua complessità;
  • la capacità di sviluppare attività di ricerca e contemporaneamente di fornire servizi scientifici specializzati ad alto impatto tecnologico e con approccio multidisciplinare.

Mettendo a frutto le caratteristiche sopraelencate, la SZN ha incentrato i suoi interessi di ricerca sulle seguenti aree tematiche:

  • la biodiversità marina;
  • lo studio di meccanismi fondamentali nella biologia degli organismi, utilizzando gli organismi marini come sistemi modello;
  • l’evoluzione, l’ecologia e il funzionamento degli ecosistemi marini;
  • l‘innovazione e lo sviluppo biotecnologico.

Ricerca sznRicerca sznLa caratterizzazione delle forme di organismi viventi in un determinato ambiente rappresenta la chiave fondamentale per descrivere la “biodiversità”, ossia la molteplicità di forme con cui la vita si manifesta sulla terra. La Stazione Zoologica ha una solida tradizione nel campo degli studi della diversità degli organismi marini, studi che negli ultimi 20 anni sono stati affiancati da approcci di filogenesi molecolare e genetica di popolazione, che hanno prodotto contributi di rilievo per la comprensione del livello di diversità di vari gruppi di organismi. In questo campo, la SZN offre anche un importante contributo didattico e informativo grazie alla presenza, all’interno della sua sede centrale, di un acquario pubblico e un museo naturalistico.

Negli ultimi anni, la ricerca alla SZN ha permesso di affinare gli strumenti più avanzati per lo studio di alcuni organismi marini scelti come modello. Considerando l’unicità dell’ambiente marino per la sua biodiversità, ed anche per le sue proprietà chimiche e fisiche, è plausibile ipotizzare che studi condotti su organismi marini potranno portare contributi fondamentali per la comprensione di fenomeni biologici a vari livelli.

Un’altra finalità della SZN è capire il funzionamento degli ecosistemi marini sia dal punto di vista della dinamica interna, che della risposta alle forzanti esterne sulle varie scale temporali. E' evidente che rispondere a domande di questo tipo ha enormi implicazioni dirette per la specie umana e costituisce una sfida fecondissima per l'avanzamento della conoscenza. SZN inoltre ha dato un contributo fondamentale nall’elaborazione della strategia europea in tema di biotecnologie marine: nell’ambito delle cosiddette “blue biotechnologies” l’interesse della SZN si concentra soprattutto sull’isolamento e la caratterizzazione di nuovi prodotti naturali da microorganismi.

Elenco articolazioni
CDB - Laboratorio di Biologia Cellulare e dello Sviluppo
EEP - Laboratorio di Ecologia ed Evoluzione del Plancton
FEE - Laboratorio di Ecologia Funzionale e Evolutiva
APE - Laboratorio di Fisiologia Animale ed Evoluzione
Data pubblicazione 20/02/2013