A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

Fondazione Ugo Bordoni

Mission

La Fondazione Ugo Bordoni (FUB) è un’istituzione di alta cultura e ricerca soggetta alla vigilanza del Ministero dello Sviluppo Economico. FUB vanta una consolidata tradizione di ricerca e studi applicativi nel settore delle telecomunicazioni (TLC) e delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT). Il modello di governance pubblica riconosciuto per legge alla FUB ne garantisce il carattere di terzietà e indipendenza necessario all’esercizio di una funzione di supporto e consulenza in favore delle amministrazioni pubbliche e delle autorità indipendenti. FUB è pertanto in grado di coniugare attività di ricerca nel settore ICT e servizi di interesse pubblico, con ricadute nell’ambito della tutela del cittadino.

Attività

Le attività di ricerca della FUB si svolgono nell’ambito di tre centri di competenza:

  • Trasporto dell’informazione: racchiude le competenze sulle reti, sia terrestri (su cavo e fibra) che a radiofrequenza, nonché sulla qualità del servizio offerto dalle reti medesime. I concetti di rete e di qualità del servizio vengono coniugati in tutte le possibili accezioni, afferenti alla funzionalità delle reti nella loro globalità (reti pubbliche fisse e mobili, reti locali, reti private a lungo e corto raggio, reti di diffusione radiofonica e televisiva); alle sezioni funzionali delle reti (accesso fisso, accesso radio, core network) e alle tematiche più squisitamente tecniche quali routing, switching e codifiche di dati per le reti, nonché le problematiche inerenti lo spettro radio con le metodologie e tecniche di pianificazione e assegnazione delle risorse trasmissive.
  • Gestione dell’informazione: raccoglie le competenze sul tema dei servizi (visti come applicazioni distinte dall’infrastruttura di rete) e sulle relative problematiche di prestazioni e disponibilità, come ad esempio quelle di sicurezza e protezione dei dati, anche di carattere personale, dell’integrità dei sistemi informatici, con speciale riferimento a processi e sistemi informativi di vitale importanza per la comunità civile. Si affrontano anche le problematiche di trattamento dell'informazione (i “dati” nel senso classico delle tecnologie ICT), con particolare riferimento alle tecniche di modellazione, indicizzazione, ricerca e accesso all’informazione disponibile in rete, così come, per quanto riguarda i media (intesi come voce, immagini e video), le tecniche di codifica, rappresentazione, trasformazione e riconoscimento semantico, sviluppando soprattutto le tematiche riguardanti il data mining e la gestione dell’informazione rispetto ai problemi di privacy.
  • Politiche dell’ICT: coniuga le tradizionali competenze tecniche sui temi dell’ICT con conoscenze approfondite di carattere giuridico, amministrativo ed economico. Le tematiche di competenza riguardano l’impatto economico, giuridico e di mercato delle politiche di sviluppo e gestione delle reti e dei servizi, gli strumenti di analisi in supporto alla regolamentazione del mercato delle TLC, l’analisi della domanda e gli scenari socio-economici dell’innovazione nel settore ICT, tra cui gli strumenti per una migliore comprensione e lotta al digital divide.    

Inoltre tre sono le principali unità di ricerca:

  • Cognitive radio: attività sull’allocazione dinamica e flessibile dello spettro radio, su base opportunistica. I campi di intervento riguardano essenzialmente le tecniche di gestione dello spettro, a loro volta basate su strutture di coordinamento delle risorse, sia di tipo centralizzato che di tipo distribuito. Gli obiettivi sono volti a individuare metodologie e tecniche per un uso più efficiente dello spettro
  • Advanced quality of experience: attività sull’ingegneria dei servizi, ingegneria di rete (fissa e mobile) e parametri misurabili di qualità del servizio. I campi di intervento riguardano la caratterizzazione di nuovi servizi per garantirne la piena operatività su reti di nuova generazione, nonché la caratterizzazione di quest’ultime per garantire il pieno supporto dei servizi. Gli obiettivi mirano al miglioramento della percezione della qualità dell’esperienza nei futuri scenari ICT.
  • Information privacy: attività sulla tutela della privacy dei cittadini nella acquisizione, gestione ed eliminazione delle informazioni personali utilizzate dai fornitori di servizi ICT. I campi di intervento riguardano l'appropriazione dei dati personali, la tracciabilità degli utenti su Internet e l'anonimizzazione dei dati. L'obiettivo è la certificazione della privacy di siti e servizi e lo sviluppo di strumenti per la tutela dell'identità digitale.

La Fondazione ha la sua sede centrale a Roma in Viale del Policlinico n. 147 e altre due sedi locali, una sempre a Roma (in Viale America n. 201) e l'altra a Bologna (Villa Griffone - Via dei Celestini n.1), dove sono dislocati i suoi laboratori.

Elenco articolazioni
DTVLAB - Laboratorio di TV digitale
LLAB - Laboratorio Loudness
NGN - Laboratorio NGN
QOS - Laboratorio QoS Rete
TV - Laboratorio TV++
Data pubblicazione 09/07/2013