A cura di MIUR - Direzione Generale per il coordinamento la promozione e la valorizzazione della ricerca

La bufala è servita: tra scienza e pseudoscienza

Quando: 19/05/2014 - 24/05/2014

italia_unita_per_la_scienza_400Dal 19 al 24 maggio 2014, in più di 20 città italiane, si terrà una serie di eventi dedicati all’informazione scientifica per insegnare al vasto pubblico a riconoscere le notizie scientifiche reali, dalle “bufale” servite e diffuse attraverso internet. L’iniziativa, dal titolo “La bufala è servita: tra scienza e pseudoscienza”, è promossa da Italia Unita Per La Scienza con il sostegno di Pro-Test Italia, Città della Scienza e ANBI - Associazione Nazionale Biotecnologi Italiani.

Si tratta di una serie di incontri, ora alla seconda edizione, che cercano di far fronte al problema della disinformazione scientifica in Italia e non solo, proponendosi di far sorgere nei cittadini uno spirito critico, grazie al quale poter riconoscere una notizia vera da una falsa o.... “bufala”, specialmente sui temi scientifici più delicati. Durante la settimana piena di tanti eventi, le città partecipanti organizzeranno caffè scientifici, conferenze in aula o incontri in piazza e nelle librerie che avranno come tema centrale la corretta informazione scientifica e la distinzione tra scienza e pseudoscienza, a cui prenderanno parte giovani ricercatori, docenti universitari o divulgatori scientifici.

Ogni città potrà poi scegliere di approfondire alcuni specifici temi - ad esempio vaccini, sperimentazione animale o OGM - e lasciar spazio al dibattito costruttivo. L’obiettivo è rendere gli incontri stimolanti e coinvolgenti anche a un pubblico non esperto e facilmente scettico. Il programma definitivo dell'iniziativa è ancora in fase di definizione per via delle molte richieste di partecipazione avanzate. La lista aggiornata delle città che aderiscono all'iniziativa è comunque disponibile a questo link.

L’evento inaugurale avrà luogo venerdì 16 maggio 2014 presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e vedrà la partecipazione di Marco Cattaneo, direttore della rivista Le Scienze, di Dario Bressanini, ricercatore dell'Università dell’Insubria e divulgatore scientifico, di Beatrice Mautino, coordinatrice scientifica del Festival della Scienza di Genova e infine di Augusto Vitale, ricercatore del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Milano. In ogni città, l'evento potrà essere pubblicizzato da un flashmob e si concluderà la sera del 23 o 24 maggio con una fiaccolata in camice nei punti cittadini nevralgici e suggestivi.

Per sostenere l’iniziativa di Italia Unita per la Scienza e contribuire alla corretta diffusione di uno spirito critico costruttivo sui temi scientifici nel nostro Paese, è possibile inviare il proprio contributo, anche minimo, attraverso la piattaforma di crowdfounding Indiegogo.

Data pubblicazione 29/04/2014
Fonte Italia Unita Per La Scienza